Site powered by CMS Joomla (www.joomla.it)
Design by GEEO S.r.l.
 

L’attività editoriale inizia nella metà degli anni ’80 con i primi titoli della collana “Itinerari fuori porta”, agili guide per escursioni. Dopo quasi vent’anni sono state pubblicate oltre 60 guide agli ambienti naturali delle Dolomiti, delle Prealpi Venete, dei più importanti parchi nazionali e regionali d’Italia. Nei primi anni ’90 ha inizio una serie di monografie storico-geografiche progettate da personalità di notevole esperienza editoriale: da Eugenio Turri (forse il maggior geografo italiano, autore per Longanesi, Touring Club Italiano, De Agostini, Marsilio) a Francesco Vallerani, Aldino Bondesan, Ugo Sauro (del Dipartimento di Geografia dell’Università di Padova). Vengono così pubblicati L’Adige, La Laguna di Venezia, Il Sile, Il Piave, Il Brenta, Il lago di Garda, I Colli Euganei, Il Tagliamento: volumi che uniscono i contributi dei più qualificati studiosi dei singoli comprensori alle immagini dei migliori fotografi.

In un’ulteriore collana, il “Nordest”, vengono pubblicati studi di storia locale. Tra gli autori e i curatori vi sono numerosi docenti delle Università di Verona, Padova, Venezia, Udine, Trento e alcuni studiosi delle tradizioni popolari, tra cui Dino Coltro. Alla fine degli anni ’90 vedono la luce i primi numeri de “I percorsi della memoria”. Nella collana vengono recuperati alcuni titoli dimenticati e riproposti in una nuova e accurata veste. Tra questi quelli di Tina Merlin – notevole il suo bestseller, oltre 50.000 copie vendute, Sulla pelle viva – e altri ancora di Eugenio Turri, Dino Coltro, Mario Passi, Emilio Sarzi Amadè, Carla Bettei, Fausta Garavini. La casa editrice, pur mantenendo la propria autonoma identità culturale e progettuale, ha costantemente attivato rapporti di intensa collaborazione con altri istituti culturali e case editrici del Triveneto.

Grazie a ciò è stata pubblicata, in coedizione con l’Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti e la Regione Veneto, la monumentale Venezia romanica di Wladimiro Dorigo, opera recensita dalle maggiori riviste del settore («Cahier de civilation medievale», «Revue Historique», «Die alte Stadt», «Studi medievali», «Il giornale dell’Arte», «Medioevo»). Altre importanti coedizioni sono state realizzate con la collaborazione di Unesco, Fondazione Giorgio Cini, Circolo Menocchio, Centro Studi Luccini, Parco Regionale Colli Euganei, Parco Nazionale dello Stelvio, Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi, Parco del Pollino, Parco Dolomiti Friulane, Parchi Appennino Bolognese e delle case editrici Tappeiner, Raetia, Arca, Grafo, Canova e il quotidiano «L’Adige».

La casa editrice, il cui catalogo conta più di 800 titoli, continua a sviluppare una propria programmazione editoriale ricercando al tempo stesso le più opportune forme di collaborazione con gli operatori culturali analogamente orie hhtati a una editoria di approfondimento e di qualità.