Site powered by CMS Joomla (www.joomla.it)
Design by GEEO S.r.l.
 
Info: Il tuo browser non accetta i cookie. Se vuoi utilizzare il carrello e fare acquisti devi abilitare i cookie.

E. Franzina (a cura di)
2009/1 La città in fondo a destra
Integralismo, fascismo e leghismo a Verona

formato: 15x21 cm, 236 pp.
rilegatura: brossura cucita
isbn: 9788883145414
prezzo:  €14.00

collana: Venetica. Rivista di storia contemporanea



Nel panorama complesso dell’estrema destra italiana il ruolo svolto dal Veneto, e da Verona in particolare, come rampa di lancio di iniziative xenofobe e razziste, si coniuga ormai da quindici anni in qua con vistose ricadute politiche a livello locale e poi con la gestione, da parte della Lega e dei suoi esponenti più in vista, della cosa pubblica. Al posto del vecchio localismo piccolo borghese degli artisti, dei versificatori e dei cantori della veronesità fioriti fra Otto e Novecento (da Berto Barbarani ad Angelo Dall’Oca Bianca), si è fatto largo un condensato di nozioni identitarie rudimentali che si compendia nella difesa strenua di un territorio sentito come proprio e intangibile, da preservare con ogni mezzo dall’intrusione di stranieri ed estranei. Linguaggi e stili di vita, fenomeni di costume e atteggiamenti mentali si incrociano con i riusi della tradizione nel segno del tradizionalismo, con la demagogia dei messaggi populisti, ma anche con l’eredità del moderatismo sia liberale che cattolico. Ricercatori e studiosi, quasi tutti veronesi, si sono interrogati sulle radici e quindi sulla storia di un fenomeno che, pur con le sue peculiarità locali o regionali, aiuta a inquadrare e a meglio comprendere le grandi trasformazioni dalle quali è stato investito l’intero paese, esposto ad un mutamento di tipo quasi genetico delle proprie strutture mentali e culturali.

Scarica il numero